epub

Bagno di folla per Sant’Agata d’agosto | La Sicilia

Bagno di folla per Sant’Agata d’agosto

17/08/2016 – 20:29 di Antonio Blandini

La santa patrona di Catania è tornata tra i fedeli, dopo la tre giorni di festa a febbraio, per l’890° anniversario della traslazione delle reliquie da Costantinopoli. Breve giro interno in piazza Duomo e fuochi d’artificio


Sant’Agata tra i fedeli in Piazza Duomo

Catania – Una calda giornata ha fatto da cornice alla festa della Traslazione nell’890° anniversario del ritorno in patria delle reliquie di S. Agata da Costantinopoli, una data che s’avvicina sempre di più al 9° centenario della ricorrenza che ricorda la riacquistata identità comunitaria del popolo catanese da sempre devoto della martire verginella. La Cattedrale, intitolata alla Patrona concittadina, fin dal mattino si è riempita di devoti richiamati dal campanone di S. Agata e dallo sparo di bombe a cannone e desiderosi di assistere all’apertura della porticina della “cameretta” che custodisce il tesoro della città: …

[…]

[…]

Così la solenne concelebrazione pontificale della sera, introdotta dall’antifona “Non abbandonerai la mia vita nel sepolcro, né lascerai che il tuo santo veda la corruzione”,presieduta dall’arcivescovo mons. Salvatore Gristina ed animata dalla Corale diretta dal m° Puccio Sanfilippo, è stata quella propria della solennità della Dedicazione, la cui orazione di colletta esprime il significato del rito: “O Dio, che hai conservato alla venerazione dei fedeli il corpo della beata Agata, vergine e martire, concedici di crescere come tempio vivo dello Spirito per risorgere con Cristo a vita nuova”. All’omelìa il metropolita ha fatto riferimento al Giubileo straordinario della Misericordia voluto da Papa Francesco e “che si sta rivelando provvidenziale anche per le circostanze che caratterizzano il nostro tempo e che tanto ci preoccupano personalmente e comunitariamente…Il Giubileo vuole aiutarci a leggere…attorno a noi con gli occhi colmi della luce della fede e della consolazione della speranza… Le difficoltà che ci circondano non devono privarci della speranza umana e cristiana”. L’arcivescovo ha inoltre evidenziato come “possiamo uscire da qualsiasi comportamento che offende il Padre e danneggia il prossimo, cioè da ogni peccato. Niente e nessuno può essere escluso dall’amore del Signore, come ci ha ricordato Papa Francesco rivolgendo un forte invito alla conversione anche «agli uomini e alle donne che appartengono a un gruppo criminale, qualunque esso sia», come pure alle persone fautrici o complici di corruzione. Mons. Gristina ha preso spunto dalla parabola del servo perdonato per sottolineare la necessità di “perdonare di cuore, ciascuno il proprio fratello” come ammonisce Gesù nel Vangelo e per spiegare come “vera devozione verso S. Agata significa imitazione: Agata subì offese da parte di Quinziano che agì crudelmente verso di lei. Agata difese il suo onore e chiese rispetto per la sua femminilità, ma non si vendicò, né implorò vendetta da parte del Signore. Fu, perciò, una persona debole e sconfitta? No, al contrario. Infatti, noi siamo qui per onorarla ed «inneggiamo alla martire invitta» e con questo noi testimoniamo di credere alla forza e alla vittoria del perdono e della misericordia”.

[…]

Sorgente: Bagno di folla per Sant’Agata d’agosto – La Sicilia

0 commenti su “Bagno di folla per Sant’Agata d’agosto | La Sicilia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: