Locale Storia

Cinquanta «candeline» per due guide spirituali | La Sicilia

mons-salvatore-pappalardo

29/06/2005

GAGLIANO, OGGI L’ANNIVERSARIO DELL’ORDINAZIONE DI DON BOTTITTA E DON VASTA

GAGLIANO. Si festeggia oggi il 50° anniversario dell’ordinazione sacerdotale dei due parroci che rappresentano i pilastri e le guide spirituali di Gagliano Castelferrato: don Vito Bottitta e mons. Vito Vasta, ordinati sacerdoti il 29 giugno 1955 da mons. Clemente Gaddi, in occasione del 25° anniversario di sacerdozio dei parroci Grippaldi e Brancatelli, alla presenza di seminaristi e sacerdoti giunti da Nicosia.

Un lungo cammino per i due sacerdoti che ha visto le prime celebrazioni di padre Bottitta a Gagliano, presso la parrocchia S. Maria delle Grazie dove ha fatto ritorno nel 1973, dopo essere stato preposto alla parrocchia S.Margherita di Agira. Gli esordi sacerdotali di padre Vasta si esplicarono invece ad Assoro, passando poi per Troina, Gagliano, Nicosia e ancora Gagliano, in cui rimase definitivamente a partire dal 1968, venendo poi nominato parroco arciprete nel 1986.

Nel corso dei 50 anni molto è stato fatto da parte loro nel riordino delle processioni; nella vivificazione dei pellegrinaggi, ma anche nel restauro di quadri e statue di culto e dell’organo della Matrice; e poi ancora si sono adoperati affinché si restaurassero chiese e locali necessari per il culto. Si ricordi, inoltre, l’importanza della ben fornita biblioteca parrocchiale al servizio della cittadinanza, in cui è stato riscoperto e valorizzato il fondo antico, prima non fruibile. Molto è cambiato, dunque, in mezzo secolo. Basti pensare, ad esempio, all’aggiornamento liturgico del Concilio, che ha indotto ad una maggiore comprensione di ciò che il culto richiede e che l’atteggiamento ecclesiale esige. Il dialogo, infatti, è uno degli elementi che ha reso la Chiesa più vicina ai credenti in questi anni e i due sacerdoti, Bottitta e Vasta, ne sono un degno esempio. Grande è stato in questi anni l’impegno di don Bottitta nel cercare di avvicinare i giovani alla Chiesa, per i quali ha speso tutte le sue forze. Umile, preciso, attento e profondamente sensibile, non si è mai arreso di fronte alla chiusura della gente e con la sua semplicità e la sua dolcezza è riuscito ad attirare la simpatia non solo dei gaglianesi, ma anche di tutti coloro che ancora lo incontrano nei meeting del Rinnovamento e in tanti si rivolgono a lui per consigli e conforto. Altrettanto si può dire anche di don Vasta dal carattere forte e deciso che, con una sola parola, sa risollevare chi è afflitto. La sua vistosa cultura gli consente di usare un linguaggio sempre appropriato e adeguato ai suoi interlocutori, riuscendo ad amalgamarsi anche con i più umili, ha detto mons.Vasta.

Il Triduo, nei giorni scorsi, è stato predicato dal sacerdote Pietro Antonio Ruggiero. Oggi la celebrazione sarà presieduta dal vescovo Pappalardo, con la partecipazione di altri sacerdoti, alle ore 18,30 presso piazza S. Maria di Gesù. Sarà poi distribuita ai fedeli la raccolta di pensieri di mons. Vasta, intitolata “Tempo che vola, verità che dura”. A fine celebrazione, i cittadini saranno grati ai due parroci con una festa di augurio e ringraziamento.

VALENTINA LA FERRERA

Sorgente: Cinquanta «candeline» per due guide spirituali | La Sicilia


0 comments on “Cinquanta «candeline» per due guide spirituali | La Sicilia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: