Storia

Mons. Carabelli e la devozione alla Madonna di Carnago | osgb-carnago.it

mons-giacomo-carabelli

‘Mons. Carabelli e la devozione alla Madonna di Carnago’

(Tema della rappresentazione storica della Festa Patronale del 9 Settembre 2012 della Parrocchia S. Martino, in onore della Madonna dei Miracoli di Carnago).

Siamo nel 1886. A Carnago, il 16 agosto nasce Giacomo Carabelli.

Giacomo cresce circondato dalle premure e dall’affetto di tutta la famiglia.

E’ dotato di grande sensibilità e benvoluto da tutti e mostra particolare attenzione al prossimo, anche il più umile. I genitori lo avrebbero voluto continuatore dell’industria familiare, ma Giacomo, educato ai veri, importanti principi morali e religiosi, già da ragazzo si sente chiamato al sacerdozio.

E così decide di consacrarsi a Dio. La sua formazione sarà presso il Seminario Villoresi di san Giuseppe a Monza e a Seveso nel Seminario di san Pietro martire.

A Roma nel Collegio Lombardo dove frequenta le università ecclesiastiche, si laurea in filosofia e teologia ; e il 17 luglio 1910 il Cardinal Ferrari lo ordina sacerdote.

Nonostante gli studi lo portino lontano, don Giacomo Carabelli si dimostra sempre molto affezionato al paese di Carnago, ai luoghi che lo hanno visto crescere, alla sua gente, rinsaldando così quel filo che lo lega alla sua infanzia trascorsa qui.

Lo stesso anno, il 17 ottobre, è invitato a recarsi a Siracusa come segretario dell’arcivescovo Bignami, il quale otto anni dopo, lo nominerà suo Vicario Generale, il 9 novembre 1918.

A Siracusa ha modo di essere stimato e apprezzato per le sue qualità e virtù sacerdotali, ma soprattutto per la sua grande umanità e generosità.

La Santa Sede nel 1920 lo costituisce Amministratore Apostolico e nel 1921, appena un anno dopo, il 14 gennaio, diventa Arcivescovo all’età di 34 anni, succedendo a Monsignor Bignami.

Giacomo Carabelli è l’arcivescovo più giovane del mondo.

26 giugno 1921. Al suo primo ritorno al paese, dopo la consacrazione episcopale a Siracusa, viene organizzato qui a Carnago un solenne ricevimento in suo onore.

mons-giacomo-carabelli

mons-giacomo-carabelliPer l’occasione la popolazione gli offre una preziosa mitria.

Lui, chiamato dai Carnaghesi “il nostro arcivescovo” sebbene lontano dalla sua terra, ma memore della Madonna dei miracoli, dona la sua croce d’oro episcopale, come segno di devozione, alla Vergine.

Davanti alla sacra immagine si era inginocchiato tante volte: da fanciullo, da giovane seminarista …e poi come sacerdote.

Ora… da monsignore torna ai piedi della Madonna per pregare e chiedere grazie per la sua attività episcopale in Sicilia e per il suo paese natale, mai dimenticato.

A Siracusa, Mons. Giacomo Carabelli è stato nominato arcivescovo e la sua nomina ebbe molti consensi unanimi in tutti gli ambienti della città.

Mentre si fanno progetti per il prossimo suo ritorno in famiglia, al paese di Carnago per il suo abituale mese di vacanze, il 17 luglio 1932 una domenica mattina giunge improvvisa la notizia … della sua morte… avvenuta la sera prima.

Il suono delle campane della parrocchia comunica il triste annuncio alla popolazione di Carnago e il suono si ripete per tre sere di seguito.

Sul letto di morte, Giacomo dice: “Voglio morire da vescovo, con il pensiero rivolto al Papa e al Crocifisso.

Poco importa vivere un’ora meno, quando si ha la coscienza di compiere il proprio dovere”.

E così benedicendo i suoi sacerdoti e i fedeli della diocesi e baciando il crocifisso, Mons. Giacomo Carabelli entrava nella pace eterna di Dio.

Nel suo testamento si legge “mentre affido a questo foglio le mie ultime volontà, rivolgo il mio pensiero al cuore di Gesù pregandolo di assistermi con la Vergine Maria nel mio passaggio dal tempo… all’eternità.

Rinnovo il mio atto di fede. Ricordo tutti i miei sacerdoti, uno per uno, sempre amati paternamente. Mando alla mia Diocesi, alla mia Siracusa, la benedizione più larga e più sentita.

Alla Madonna di Carnago, a me molto cara, ho lasciato il mio ricordo di figlio col dono della mia croce pettorale.

Benedico tutti… e a tutti… raccomando… la mia …anima.

Carabelli nasce a Carnago il 16 agosto 1886 e muore a Siracusa il 16 luglio 1932.

È sepolto laggiù nella Cattedrale di Siracusa, ma una lapide posta nella cappella di famiglia, qui nel cimitero del nostro paese, lo ricorda così:

mons-giacomo-carabelli“pastore generoso, operoso, consacrò tutte le sue risorse a quelle più grandi del suo cuore di Padre”.

 

A cura del Comitato Organizzatore Festa Patronale di Carnago e del regista Antonio Zanoletti

 

 

 

Sorgente: Mons. Carabelli e la devozione alla Madonna di Carnago

Mons. Carabelli e la devozione alla Madonna di Carnago

mons-giacomo-carabelli

0 commenti su “Mons. Carabelli e la devozione alla Madonna di Carnago | osgb-carnago.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: