Cronaca Latest

Sempre più minori in balia dei trafficanti di esseri umani | L’Osservatore Romano

sergio-mattarella

mercoledì 26 luglio 2017 – pagina 2

sergio-mattarellaIl presidente Mattarella richiama l’Europa ad assumersi le proprie responsabilità

BRUXELLES, 25. Il 93 per cento degli oltre 12.000 minorenni arrivati in Italia nei primi sei mesi di quest’anno ha viaggiato da solo. Lo documenta l’ultimo rapporto dell’Unicef su traffico di esseri umani e minori, secondo il quale la decisione di affrontare il viaggio in mare viene presa sotto la pressione dei trafficanti di esseri umani.

Moltissimi bambini e ragazzi, fuggiti dai loro paesi a causa della fame e delle violenze, vengono intercettati dai trafficanti e portati in Libia, dove, dopo aver subito o assistito ad abusi di varia natura, prendono la decisione di imbarcarsi verso l’Italia. Il rapporto spiega che i ragazzi lasciano
il paese di origine (soprattutto paesi dell’Africa subshariana) volontariamente senza però pensare, in un primo momento, all’Europa come meta del loro viaggio.

Lo studio dell’Unicef ricorda inoltre che nel 2016 oltre 100.000 minorenni rifugiati e migranti, dei quali almeno 33.800 non accompagnati, sono arrivati in Europa. Tra le principali cause della loro fuga dal paese d’origine vengono indicate le violenze subite in casa, ma anche le privazioni e i conflitti che insanguinano le loro terre. Per le bambine, almeno una su cinque, viene anche segnalata la piaga del matrimonio infantile.

«Ciò che colpisce maggiormente di questo studio — ha dichiarato Afshan Khan, direttore regionale dell’Unicef per l’Europa — è che mostra per la prima volta che le ragioni che spingono i minorenni a lasciare le proprie case sono molte di più rispetto a quelle identificate in precedenza». E che non è un sogno di benessere a determinare la loro fuga, ma la volontà di allontanarsi da situazioni di precarietà e insicurezza.

La pubblicazione del rapporto non fa che sottolineare la drammaticità del fenomeno migratorio attualmente in atto e la necessità di interventi politici e normativi all’altezza della situazione. Su questo punto si è soffermato ieri il presidente della Repubblica italiana, Sergio Mattarella, che è tornato a chiedere ai governi europei di assumersi le proprie responsabilità. Serve la stessa «fermezza negoziale che si è avuta in tema di banche», ha sottolineato incontrando gli ambasciatori a Roma.

Mattarella ha affermato che «sui migranti serve in Europa una discussione seria, senza spazio per battute estemporanee».

E ha ribadito che occorre «lo stesso metodo di fermezza negoziale usato per risolvere il problema degli istituti di credito» per assicurare «un lungimirante ed efficace governo del tema forse più rilevante oggi di fronte all’Unione europea, quello di una gestione del fenomeno migratorio di carattere autenticamente comunitario».

marco-minnitiDa Tunisi, dove partecipa alla riunione del gruppo di contatto Africa-Europa, è intervenuto anche il ministro dell’interno italiano, Marco Minniti, per ricordare che «nessun paese può farcela da solo e nessun paese può essere lasciato solo». Oggi Minniti incontra i rappresentanti delle ong ai quali sottoporre il codice di condotta messo a punto dopo un negoziato con Bruxelles.

Sorgente: Sempre più minori in balia dei trafficanti di esseri umani | L’Osservatore Romano, mercoledì 26 luglio 2017, p. 2

Annunci

0 commenti su “Sempre più minori in balia dei trafficanti di esseri umani | L’Osservatore Romano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: