Cultura Latest

Don Luca, il prete che ha commosso il Papa | Il mio Papa

20 AGOSTO 2015 di Laura Badaracchi

don-luca-saracenoQuando giovedì 6 agosto il cellulare ha squillato, don Luca Saraceno, rettore del santuario della Madonna delle Lacrime di Siracusa, ha dato un’occhiata allo schermo, ha visto la scritta “numero privato”, ma ha risposto comunque. Ed è rimasto senza parole: era l’inconfondibile voce di Francesco.

don-luca-saraceno

«La telefonata del Santo Padre è stata un regalo imprevedibile e assolutamente gratuito. Ma quello che per noi è sconvolgente, per lui è normale: chiamare un prete per ringraziarlo di un libro ricevuto, come ha sempre fatto da arcivescovo a Buenos Aires. Noi ci stupiamo, però, perché del pontificato abbiamo ancora un’idea ieratica, irraggiungibile…», spiega don Saraceno. In questo caso, il libro a cui fa riferimento il sacerdote siciliano è suo. S’intitola La saggezza delle lacrime. Papa Francesco e il significato del pianto, e ripropone i passi di omelie e discorsi in cui il pontefice gesuita ha menzionato la grazia di piangere, un “dono” spesso invocato proprio da sant’Ignazio di Loyola, fondatore della Compagnia di Gesù.

La presentazione del libro era stata curata da monsignor Marcello Semeraro, vescovo di Albano (Roma) e segretario del Consiglio dei cardinali voluto da Francesco (è il famoso “C9” di cui abbiamo parlato anche nel numero 32, ndr). A lui don Saraceno aveva consegnato una copia per il Papa, con una lettera in cui lo ringraziava, «perché il libro in effetti lo ha scritto lui. Io ho semplicemente messo insieme il materiale con qualche commento e dato uno schema di fondo al suo magistero sulle lacrime. Gli ho dedicato quelle pagine. Dopo qualche giorno, il Santo Padre mi ha chiamato e con la sua ironia ha fatto subito una battuta: “Ma lei con questo libro mi ha fatto piangere!”».

don-luca-saracenoLa telefonata, dunque: «Mancavano pochi minuti alle cinque del pomeriggio», ricorda con precisione don Luca. «Era la festa della Trasfigurazione, un giorno che mi è particolarmente caro sia per l’anniversario della morte di Paolo VI, sia perché è il giorno in cui cinque anni fa ho ricevuto per telefono l’annuncio della nomina a rettore del santuario della Madonna delle Lacrime, nelle stesse ore in cui nasceva il mio primo nipotino Riccardo». 

Stavolta la chiamata arrivava dal Vaticano, da Bergoglio in persona. «Anzitutto colpisce la sua attenzione alle piccole cose: l’uomo più importante del Pianeta dal punto di vista comunicativo, religioso e politico, si ferma a chiamare un prete per dire grazie del volume che ha scritto. Si ferma alle piccole cose dal punto di vista della periferia, come spesso ripete».

Messi da parte gli scherzi, Francesco ha ricordato al sacerdote «due passaggi che avvalorano quanto ho scritto. Ha citato san Pietro che si “sgretola” in un pianto di conversione davanti a Gesù dopo averlo rinnegato. Nei primi due anni di pontificato il Papa ha citato cinque volte le lacrime dell’apostolo e mi ha detto che nello studio ha un’antica stampa di Pietro piangente: guarda sempre a questa figura di Chiesa penitente e che chiede perdono». Il secondo passaggio? «Il Papa mi ha ripetuto: “Dobbiamo chiedere a Dio il dono delle lacrime”. Per lui il pianto è una sorta di inchiostro con cui scrive i suoi discorsi e un linguaggio non verbale che supera le parole arrivando in silenzio dritto al cuore».

Sorgente: Don Luca, il prete che ha commosso il Papa | Il mio Papa

Annunci

0 commenti su “Don Luca, il prete che ha commosso il Papa | Il mio Papa

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: